Guida all’acquisto | Miscelatore doccia a 2 o 3 vie

  • Share on:
  • 28 Visualizzazioni

Dopo aver deciso di acquistare un box doccia per arredare il proprio bagno (come abbiamo visto in un nostro vecchio articolo di blog), bisogna affrontare la scelta del miscelatore doccia.

Il miscelatore doccia non è un semplice complemento d’arredo, ma un componente fondamentale per il funzionamento complessivo della doccia. Per questo motivo la scelta deve essere fatta in maniera oculata, così da rendere la doccia, un’ambiente funzionale e comodo.

Doccia, scegli il miscelatore perfetto per la tua doccia

Il bagno è un ambiente dove pretendiamo ci sia il massimo del comfort. Anche se passiamo molte ore nell’ambiente bagno, l’arredamento deve essere progettato per la massima comodità, soprattutto nel momento dell’igiene personale.

Dopo una giornata intensa, una doccia rigenerante per recuperare le forze è uno dei momenti di massimo relax della giornata. Il box doccia deve essere integrato con i migliori componenti che devono combinare al meglio le esigenze di usabilità e design.

In questo articolo andiamo ad analizzare 2 soluzioni per installare il miglior miscelatore doccia. La scelta ricade su 2 categorie:

  • Miscelatore a 2 vie
  • Miscelatore a 3 vie

I parametri da valutare sono l’utilizzo del miscelatore e il tipo di arredamento del bagno.

Miscelatore a 2 vie

Iniziamo specificando che le vie vengono intese come gli attacchi per doccette o soffioni.

Il miscelatore a 2 vie presenta 2 attacchi dove usualmente si vanno ad inserire una doccetta e una manopola per regolare il getto d’acqua. Si può scegliere di sostituire la doccetta con un soffione oppure di far defluire il getto d’acqua da un’unica via sia alla doccetta che al soffione, in questo caso se i 2 componenti sono utilizzati contemporaneamente il flusso dell’acqua sarà diviso tra soffione e doccetta.

Miscelatore a 3 vie

Diversamente dalla versione a 2 vie, il miscelatore a 3 vie presenta 3 attacchi dove poter inserire la rubinetteria doccia. Come visto prima, uno dei 3 attacchi deve essere predisposto per la manopola che gestisce il flusso d’acqua, la seconda manopola viene utilizzata per gestire il flusso d’acqua calda e fredda e il terzo può essere destinato a questi componenti:

  • Doccetta
  • Soffione
  • Soffione multifunzione o idromassaggio

La gestione del flusso d’acqua può essere indirizzata verso il singolo componente (con il getto d’acqua consistente) oppure diviso tra la rubinetteria presente.

In conclusione la differenza tra i 2 tipi di miscelatori sta nel poter gestire i vari componenti attraverso una seconda manopola, che va a regolare il flusso d’acqua calda e fredda.

Articolo pubblicato nella categoria News il .

Commenti

Nessun commento per questo articolo.

Invia commento