Arredamento cucina. Qual è il miglior miscelatore per la tua cucina moderna?

  • Share on:
  • 130 Visualizzazioni

Non solo bagno. Il team Dwelli si impegna a trovare i migliori prodotti anche per la tua cucina moderna.

Nella scelta della tua cucina, un tassello importante è la rubinetteria. Quali sono gli aspetti più importanti nella scelta del rubinetto migliore da usare nel lavello della tua cucina? Nel nostro store sono presenti miscelatori che possono soddisfare ogni tua esigenza.

Di seguito una mini guida all’acquisto.

Rubinetto con doccetta estraibile

La doccetta estraibile è molto utile nella pulizia del pentolame più ingombrante. Molto utilizzato nelle cucine di piccole dimensioni, è consigliabile ricavare uno spazio accanto al lavello per poter appoggiare le pentole più grandi.

Il team Dwelli consiglia dal nostro store:

Gessi Oxygene 00941

Rubinetto cucina miscelatore

Caratterizzato dalla praticità, il miscelatore presenta un’unica impugnatura, utile quando si hanno le mani occupate o sporche.

Il team Dwelli consiglia dal nostro store:

Gessi Cucina Thalium 23551

Rubinetto elettronico

Re del design e della tecnologia, il rubinetto elettronico si aziona solo sfiorandolo, grazie al sensore posizionato vicino al rubinetto. Questa tecnologia oltre alla praticità, aiuta nella riduzione degli sprechi d’acqua.

Dornbracht eUnit Kitchen 41 271 875-06

Materiali

Alcuni metalli sono più delicati se trattati con prodotti chimici aggressivi, le cromature possono rovinarsi o cambiare colore. L’acciaio sembra essere il materiale più sicuro e più pratico. Nei casi in cui si abbia un’acqua molto calcarea è consigliato comunque di asciugare spesso la rubinetteria in modo da non lasciare il tempo al calcare di depositarsi, rimuovendolo così prima che l’acqua si asciughi.

Pulizia

Il calcare è un problema da non sottovalutare quando si acquista un rubinetto da cucina. Il calcare non è altro che il residuo delle rocce calcaree che l’acqua porta con sé durante il tragitto dalla fonte ed è naturalmente presente nell’acqua in quantità più o meno elevate; quando l’acqua entra in contatto con le superfici, la reazione con l’aria produce le famose “impronte” bianche.

Quali sono i metodi naturali per poter far fronte all’aggressività del calcare?

È risaputo che i migliori alleati naturali contro il calcare sono l’aceto bianco, il succo di limone o l'acido citrico che si può acquistare in grani da sciogliere in acqua ed è il principio contenuto nel succo di limone stesso. In tutti e tre i casi sarà sufficiente strofinare le superfici con un panno imbevuto.

Per sporco particolarmente ostico è possibile anche passare le superfici con una fetta di limone cosparsa di sale, per poi rimuovere tutto con un panno asciutto.

Aceto e limone, oltre ad avere un’azione pulente, sono efficacissimi anche per contrastare i cattivi odori in bagno e in cucina.

Articolo pubblicato nella categoria News il .

Commenti

Nessun commento per questo articolo.

Invia commento